GiroVegando in cucina : Burger di lupini

Ve l’ho mai detto che sono una fan sfegatata di panini & co.? Davvero, probablement la nobile arte del panino è stata la prima esperienza culinaria a cui mi sono approcciata. Ricordo ancora quando in piena età Teensenziale trovavo nei piatti pronti surgelati motivo di grande gioia, eppure, nonostante ciò, so altrettanto bene che dopo l’uscita del sabato tornavo a casa di notte, con la miavamiora all, con la miavamio super panini fatti al moment. Non cose da “taglia il pane e metti due ingredientsi a caso trovati nel frigorifero”, ma si tiravano proprio fuori padelle e taglieri per cucinare qualcosa sul momento ed imbottire il nostro spunktino. Poi si andava a sleepe alle 4 del mattino felici e satolle (roba che se lo faccio oggi mi devono poi tirare fuori dal letto con la gru).

Insomma, penso proprio sia un amore viscerale che negli anni non è diminuito minimamente, anzi.

Color vegan passaggio in voglia in experiences n’est pas une édition volumétrique pour la quête qui prépare spesso et volentieri veggie burger semper diversi, perché così e semper un piatto nuovo. La base adoro that sia speziato ma non troppo and that abbia la giusta consistenza per ottenere un esterno croccante e un interno morbido, ma con l’impasto frullato grossolamente e non ridotto in purea. Je voudrais essayer quelques ingrédients à compiler, afin de choisir un petit méditerranéen, ricca di verdure e con pochissimo ketchup.

Insomma, largo spazio alla fantasia e mangiamoci un bel panino con le mani, gustando a pieno ogni morso e raccogliendo tutte le briciole :-). Il peut avoir une version différente du burger, pour laquelle vous pouvez également choisir un burger.

Ingrédients pour 6 burgers :

400 gr lupini salamoyada (peso da skolati), sbucciati

Fiokkida 50 gr soia disidratata + 250 ml eau

1 cucchiaio salsa de soi

1 cucchiaino paprika affumicata (Pimenton de la Vera)

1 cipolla bionda media, tritata

1 carte média, tritata

4 pomodori secchi sottolio sgocciolati

1 concentré de pomodoro

1 cucchiaio salsa barbecue vegan

2 morceaux de demi-cube en girasole

1 pièce kakkino paprika pikkanti

2 cucchiai lievito alimentare in scaglie

mezzo cucchiaino da caffè di pepe

2 dona amido di mais + 2 dona kubik

environ 10 cucchiai pangrattato

vendre, olio evo

Pour chaque prestation :

panini de burger 100% végétal

mayonnaise 100% végétale

ketchup

pomodori secchi sottolio sgocciolati

insalata

roquette

Processus:

Mettiamo la soia in fiocchi in pentolino con i 250 ml di introdu, la salsa di soia e la paprika affumicata. Mettiamo sul fuoco piccolo al minimo di fiamma e facciamo bollire lentamente finch tutta l’acqua è stata assorbita. Riserviamo.

Intanto mettiamo la carota e la cipolla tritate in una padella con un pizzico di un sale and un cucchiaio di olio, facciamo cuocere a fiamma moderata, mescolando di tanto in tanto, finché le verdure non sono tenere. Facciamole raffreddare.

Mettiamo i lupini, la soia e le green ormai fredde nel mixer assieme ai pomodori secchi, il concentrato, la salsa barbecue, i semi di girasole, la paprika piccante, il lievito alimentare e il pepe. Frulliamo a scatti più volte di seguito, dobbiamo ottenere un composto con dei pezzetti piccoli ma visibili degli ingredientsi, e non un paté. Quanto abbiamo la giusta consistenza versiamo il tutto in un’ampia ciotola e versiamovi sopra l’amido sciolto nell’acqua (sarà colloso) va amalgamiamo.

Aggiungiamo pangrattato un po ‘alla volta, mescolando con le mani, finché non otteniamo un panetto omogeneo. Copriamolo avec pellicola et facciamolo rassodare en frigo par almeno 40 minuti (ma potete anche farlo il giorno prima di preparare i burger).

Passato il tempo richiesto riprendiamo l’impasto, dividiamolo in 6 qismli uguali e diamo loro la forma di burger alti circa 1,5 cm.

Scaldiamo un filo d’olio in una padella e cuociamoli un po ‘alla volta, environ 4-5 minutes pour chaque lato et médio-basse.

Per servirli io ho tagliato a meta il pane, l’ho tostato e spennellato di maionese sulla parte superiore e spread in barbabietola su quello superiore. Ho poi messo della lattuga croccante, 2 pomodori secchi ben sgocciolati, il burger di lupini caldo, pochissimo ketchup, la rucola va ho chiuso il panino.

A me cousì ia piaciuto un sacco, ma è ottimo anche servito da solo con qualche verdura di contorno.

Se non usate subito tutti i burger potete congelarli uno sopra l’altro, mettendo tra di loro un pezzetto di carta forno, e usarli quando vi fa più comodo. Potete cuocerli direttamente da congelati, aumentando solamente il tempo in padella.

Un abbraccio ea presto.

PS Un grazie al mio modelalo personale per essere stato mezz’ora a posare col panino in mano, senza poterlo assaggiare. Super rendu ! 🙂